Illegal Meetings

Standard

Quando inaspettatamente ti trovi a vivere giornate non programmate, non scandite da tempi e scadenze, che non ruotano attorno all’inconsistenza delle 24 ore ma che hanno tutto un altro aspetto rispetto quelle a cui eravamo abituati ma che ci hanno offerto cose che non avevamo chiesto ne cercato ma che si sono presentate.

Incontri “ illegali” fatti sotto un gazebo di un villaggio turistico, del quale non eravamo clienti ma di cui abusavamo alcuni servizi, incontri sorprendentemente piacevoli che ci hanno fatto condividere parte delle nostre giornate con persone a noi sconosciute, fino a quel momento, con cui ci siamo ritrovati a parlare in una lingua che non è la nostra del più e del meno, a raccontarci le nostre storie i nostri viaggi come se fossimo amici di vecchia data incontrati in un bar del centro….ed  è così che ci siamo accorti di quanto fosse vera la frase “non sei tu che cambi il viaggio ma è il viaggio che cambia te”. Si le persone che abbiamo incontrato e che incontriamo hanno portato in noi cambiamenti , da quelli di programma  come quando J. & P. ci hanno chiesto la domenica sera per il lunedì mattina di andare con loro dall’altro capo dell’isola o ai a quelli di pensiero, quando i nostri sguardi si incrociano con quelli di altre persone  che oltre a salutarci ci chiedono come stiamo e se oggi per noi è una “good day”…se qualcuno di sconosciuto lo facesse a Forlì gli daremmo del pazzo probabilmente o del malintenzionato mentre qua,  invece, tutto a un suo perché.

La giornata procede a ritmi diversi regalandoci emozioni sempre nuove e tante tante avventure, come quando siamo passati da tre su un motorino per raggiungere una spiaggia ad una grande cena con tanta gente con cui mai avremmo pensato di sederci a tavola, cosa che poi è diventata irrilevante…noi eravamo lì con loro, ma soprattutto con due teglie di lasagne fatte in casa…delicioussss!!!!

Tutto questo oltre a farci divertire un mondo ci fa ridere tanto e non c’è davvero niente di più bello come quando arriviamo a chiederci se ciò che viviamo( e capita spesso )…è REALE?????? E la risposta è si, è reale!

E adesso altro giro e altro regalo…silenzio stampa per un po’ di giorni, poiché la direzione è Gili Meno…niente corrente elettrica se non tramite batterie, niente telefono, niente macchine ne motorini, a quanto pare non ci sono nemmeno la polizia e le tasse…un piccolo isolotto nel blu che si gira interamente a piedi in un’ora…

 

Marco e Vera

Annunci

»

  1. L’isolotto sperduto dove la tecnologia non è ancora passata incredibilmente mi alletta……no Soz, non sono impazzito…..me ne sono semplicemente successe di ogni tipo nell’ultimo periodo: dalle sfiaccolate che mi stavano per bruciare i capelli a inquietanti casi di pc posseduto….
    Te le racconto quando sarai nuovamente wired…… 😉

    ciao vagabondi , e un saltuo anche da parte dei San Lorenziani….

    (Vero sono quasi stato tentato di firmarmi Lollino…..ma mi sono subito ripreso!!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...